Povero Ulisse

Durata:

01:10

Regia:

marco bonini

Cast:

Marco Bonini

Genere:

evento

Povero Ulisse

Trama

Venerdì 27 maggio Cinepalace Riccione
Ore 20.30 Presentazione libro L’ARTE DELL’ ESPERIENZA, a seguire firma copie con l’autore Marco Bonini.
Aperitivo offerto da Flower Burger
Ore 21.30 rappresentazione teatrale POVERO ULISSE scritto e diretto da Marco Bonini (durata 70’).

Il Cinepalace Giometti di #Riccione apre le porte alla cultura, ampliando le proposte cinematografiche con una serata di contaminazione tra saggistica e teatro. Venerdì 27 maggio sarà Marco Bonini, attore, sceneggiatore, scrittore a incontrare il pubblico per una duplice proposta: la presentazione del suo ultimo libro L’ARTE DELL’ESPERIENZA e il monologo teatrale #POVEROULISSE.
Un progetto scaturito dall’incontro tra le stagiste del liceo classico “Cesare-Valgimigli” di Rimini presso l’azienda Giometti cinema con Marco Bonini, presente in Romagna per accompagnare il film LASCIARSI UN GIORNO A ROMA e il docufilm dedicato a GIGI PROIETTI, scritti insieme all’amico Edoardo Leo; una sollecitazione sottoposta poi al pubblico della rassegna cinema d’autore che ha accolto con interesse e curiosità.
Attraverso le pagine di L’ARTE DELL’ ESPERIENZA, edito dalla prestigiosa “La nave di Teseo”, Marco Bonini, con la sua esperienza di attore, insegnante ed educatore, riflette sulla funzione pubblica del lavoro dell’attore. La recitazione è un potentissimo strumento didattico e pedagogico per acquisire competenze emotive: come gli attori ogni persona può imparare a riconoscere i sentimenti umani e le emozioni, un aiuto alla soluzione di urgenze sociali quali bullismo e discriminazioni di genere.
POVERO ULISSE è il racconto che Marco Bonini mette in scena per rappresentare attraverso le vicende dell’eroe, la metafora del maschio occidentale. Perché Ulisse, che nei suoi viaggi conosce molte donne, dee semidee ninfe e mortali, desidera sempre tornare da Penelope, la moglie, a Itaca? Un desiderio quasi ossessivo ostacolato per dieci anni dal suo ardore per le tante donne che incontra. Perché è partito dall’amata coniuge? perché non torna prima? perché è così confuso in fatto di donne?
La risposta cui giunge Marco Bonini nella sua riflessione è davvero illuminante e sorprendente: perché Ulisse come l’uomo contemporaneo è sempre più confuso tra il sé ego riferito, avventuriero e il sé empatico, relazionale.
A dialogare con Marco Bonini di miti, didattica, contemporaneità la dirigente scolastica del liceo classico “Cesare-Valgimigli” di Rimini, Sandra Villa.
Per consultare la classificazione del film clicca qui
Programmazione
Acquista Ora
}